L’Eliotropio, la pietra di Cristo

eliotropio

di Nishandeva Kaur (Maria Cristina Rosini)

Buongiorno a tutti voi! 

Una pietra particolarmente potente da annoverare nel gruppo delle pietre appartenenti al secondo chakra è l’Eliotropio. 

Questa pietra potente, di color verde scuro, è soprannominata anche Diaspro Sanguigno, poiché ha inclusioni di ossido di ferro che all’interno della pietra formano delle piccole macchioline rosse. 

Nel Medio Evo si credeva che i puntini rossi fossero le gocce di sangue di Cristo crocefisso cadute su una pietra di diaspro ed è considerata, anche per questo, la pietra dei guaritori per eccellenza. Ogni medico, terapeuta od operatore olistico può indossarla per connettersi con la parte più alta di sé prima di iniziare la cura. 

Il significato del nome in greco è “protegge dal sole”, perchè tagliata in lastre sottili nell’antichità si usava per guardare il sole.

È una pietra antica, usata nei rituali sin dai tempi dei Babilonesi. 

L’Eliotropio era chiamato nell’antichità “la pietra dell’invisibilità“, poiché si riteneva capace di rendere invisibile chi la indossava. 

Per le sue vibrazioni, lavora principalmente sul secondo chakra (organi genitali), ma è in grado di svolgere bene il suo compito vibrando anche col chakra del cuore. 

A livello fisico aumenta e trasporta l’energia fisica dai chakra bassi ai chakra più alti, equilibrandoli; tonifica, pulisce e rigenera, anche a livello mentale; calma l’aggressività e l’ira, riportando la tranquillità; attiva e/o aumenta la connessione tra il fisico e lo spirituale, tra la mente intuitiva e l’elemento fisico, elevando quest’ultimo.  Influisce inoltre sul sistema sanguigno, sul fegato, i reni e la milza, purificandoli. 

Sul piano psichico infonde calma e coraggio per affrontare situazioni complicate. L’Eliotropio è un’ottima pietra da utilizzare durante i momenti di meditazione e  i trattamenti Reiki: si può farla aderire con un cerotto alla pelle in corrispondenza del secondo chakra, oppure si può indossare come monile, su collane o bracciali. 

Si purifica alla luce del sole (non diretta!) e sotto l’influsso lunare, oltre che sotto l’acqua corrente. 

Un caro saluto da questa bellissima pietra!

WhatsApp Image 2018-11-09 at 15.26.44Mi chiamo Maria Cristina Rosini e sono nata a Roma il 18/10/1967. Da sempre amante dell’arte in tutte le sue forme, nel 2003 inizio da autodidatta a realizzare semplice bigiotteria con perline, fino ad arrivare nel 2007, dopo numerosi corsi, alla realizzazione di alta bigiotteria con cristalli Swarovski e componenti in argento. Nel 2011 mi avvicino all’Hatha Yoga e nel giugno 2012 apprendo la tecnica del Kundalini Kriya Yoga di Mahavatar Babaji. Nel 2012 conseguo l’attestato di Hot Stone Massage ed inizio a relazionarmi alle pietre in un senso più profondo, quello della Cristalloterapia, dapprima con la lettura di diversi libri – tra cui quelli di Gienger e Raphaell – poi partecipando ai corsi di I e II Livello della “Prima Accademia dei Cristalli e delle Scienze di Luce” di Fufi Sonnino, conseguendo nel 2013 il Master in “Utilizzo dei Cristalli nel Campo Eterico Umano”. Sono Operatrice Reiki di I e II Livello nel Metodo Usui. A maggio 2016 ho partecipato al Seminario di Numerologia Tantrica tenuto da Jagat Kaur. Da novembre 2016 realizzo dei Japamala in pietre naturali su richiesta, tenendo conto della Numerologia Tantrica e delle effettive necessità della persona. I Cristalli vengono purificati usando un trattamento adatto ad ogni tipo di pietra, recitando un mantra e creando uno spazio sacro

 

Leave a Reply

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*