Mici vegetariani :)

WhatsApp Image 2019-02-06 at 12.32.50
di Daniele Aragona

Oggi prepareremo una versione vegetale di una popolarissima preparazione rumena: 

Ecco a voi i MICI!!!

WhatsApp Image 2019-02-06 at 12.35.06

Di base sono delle polpette speziate, croccanti all’esterno e con un cuore morbido.

Questa è la mia ricetta ma… come al solito, sperimentate tutte le variabili che la fantasia vi possa suggerire!

Prendiamo: 

-200 grammi di soia granulare

-14 cucchiai di farina

-un panetto di tofu (circa 100 gr.)

-olio, farina di ceci e acqua aggiuntivi da usare durante la preparazione;

-5 cucchiai di spezie miste (santoreggia, timo, aneto, origano, aglio in polvere, un pizzico di peperoncino e pepe)

-un cucchiaio di sale o altro insaporitore vegetale

-un paio di spicchi d’aglio di media grandezza

-un cucchiaino  abbondante di cacao amaro, farina di carrube o altro colorante 

-un cucchiaino di bicarbonato

-un mazzettino di foglie di prezzemolo

WhatsApp Image 2019-02-06 at 12.29.53

Preparazione:

Prendiamo la soia e seguiamo le istruzioni sulla busta, altrimenti mettiamola a bagno in mezzo litro di acqua calda. L’importante è che poi venga a galla con una consistenza spugnosa.

Ora abbiamo una ventina di minuti prima di scolarla, durante i quali taglieremo il tofu a piccoli cubetti (o qualsiasi forma ci venga, ma è bene che siano della dimensione di un pinolo) e lo mettiamo da parte.

Se il mix di spezie lo abbiamo preparato noi, teniamo a portata di mano quelle non mescolate per correggere, eventualmente, i sapori più avanti.

Mettiamo in una tazza il mix, il bicarbonato, il cacao, il sale e la farina.

Scoliamo la soia e poi strizziamola spingendola in fondo al colino, uscirà molta acqua. Possiamo aiutarci con uno schiacciapatate per fare prima.

Mettiamo questa soia umida in una ciotola e iniziamo a mescolare aggiungendo piano piano la farina che abbiamo aromatizzato in precedenza e un cucchiaio di olio, fino ad ottenere un impasto omogeneo. Resistete alla tentazione di aggiungere acqua: se l’impasto tende a sfaldarsi aggiungete altra farina, se è troppo duro invece un altro mezzo cucchiaio di olio.

Adesso siamo pronti a triturare le foglie di prezzemolo e gli spicchi d’aglio e a mettere il tutto nell’impasto.

Siamo pronti alla prima prova “organolettica” ☺

Annusiamo o assaggiamo un cucchiaino di impasto: teniamo conto che la cottura esalterà i sapori, quindi se non li sentiamo proprio insipidi è meglio non intervenire.

L’impasto ora va coperto e messo in frigo per una notte.

Il giorno dopo i sapori saranno amalgamati. Possiamo riassaggiare ed eventualmente aggiungere sale e qualche spezia e rimescolare.

Iniziamo a dare la forma ai nostri mici, prendiamo un poco di impasto e diamogli la forma di cilindro dal diametro di un centimetro e mezzo, tenendo conto che un diametro maggiore li renderà più morbidi dopo la cottura, spolveriamoli di farina di ceci per dargli una sorta di panatura.

Riempiamo una padella di olio e facciamoli friggere 3 minuti, girandoli per rendere la doratura uniforme e una volta recuperati li mettiamo ad asciugare su un foglio di carta. 

WhatsApp Image 2019-02-06 at 12.33.34

Servire appena fatti o, per un tocco di classe, lasciarli raffreddare e ripassare sui ferri o su una bistecchiera.

WhatsApp Image 2019-02-06 at 12.32.50

Poftă bună!

 

WhatsApp Image 2018-12-29 at 12.32.57

Daniele nasce a Roma negli anni ′80. Appassionato tanto di erbe selvatiche quanto di chimica, cucina e sopravvivenza, diventa vegano nel 2013. Passeggiando per boschi per isolarsi dal caos del quotidiano, approfondisce la sua curiosità per la natura iniziando ad “assaggiare” bacche e foglie riconosciute. Tra i suoi autori preferiti sicuramente Tito Lucrezio Caro. Ed è proprio nel “De Rerum Natura” che trova le basi della propria spiritualità. 

 

Leave a Reply

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*